fatory-manifacture-company-worker-mes.jpg

In un’era sempre più digitale, le aziende devono avvalersi di nuove tecnologie per poter rimanere competitive sul mercato. Tra questi strumenti troviamo il software MES, responsabile della gestione della produzione, focus dell’articolo dell’articolo del giorno.

La trasformazione digitale ha dato il via a una fase di continui rinnovamenti nei processi e nei modelli di business: nel corso dell’ultimo decennio, ad esempio, si è assistito all’ingresso di numerose nuove tecnologie che hanno rivoluzionato la gestione dell’operatività aziendale.

Questi cambiamenti, però, non hanno interessato solo gli strumenti ma anche l’approccio alle funzioni aziendali da parte del management. Se da una parte le tecnologie Industry 4.0 stanno portando a una progressiva automatizzazione di magazzini e produzione, dall’altra anche gli imprenditori hanno sempre più bisogno di reperire informazioni in tempo reale sullo stato di avanzamento dei processi per poter svolgere analisi e prendere decisioni di business oculate.

Per mantenere un vantaggio competitivo in mercati in costante mutamento, le aziende contemporanee devono avere una visione improntata all’innovazione: si tratta di una sfida non semplice, ma che è possibile vincere grazie a un continuo miglioramento dei processi produttivi e un maggior coinvolgimento delle risorse impiegate.

A questo proposito entra in gioco il software MES, uno degli strumenti cardine per assicurare l’efficientamento continuo delle funzioni produttive.
Ma cos’è un software MES e quali vantaggi si ottengono dalla sua implementazione in azienda? Nei prossimi paragrafi dell’articolo cercheremo di trovare una risposta a queste domande.

Che cos’è il software MES?

Il MES, letteralmente ‘Manufacturing Execution System’, è un software utilizzato per gestire in maniera efficiente e completa tutto il processo produttivo di un’azienda.

Il software MES si configura come uno strumento in grado di monitorare ogni fase della filiera di approvvigionamento e di fornire dati in tempo reale sull’avanzamento della produzione, comprese eventuali segnalazioni di malfunzionamento dei macchinari e indicazioni sullo stato dei materiali impiegati.

Per poter realizzare il suo obiettivo primario, cioè semplificare il controllo delle funzioni produttive, il MES deve essere opportunamente integrato all’interno dell’ecosistema aziendale.
Grazie all’integrazione, infatti, sia i dati sulla produzione sia quelli provenienti dagli altri strumenti informatici vengono raccolti in unica piattaforma e risulta così possibile mettere in comunicazione i sistemi di gestione con quelli di controllo delle macchine (PLC/SCADA).

Usufruire delle funzionalità dei software MES significa riuscire ad eliminare quegli aspetti negativi che non permettono l’allineamento tra gestione aziendale e production floor: in questo senso possiamo, quindi, posizionare il MES a un livello intermedio che funge da collegamento tra pianificazione e produzione.

Quali sono le principali funzioni del software MES?

I software MES presenti sul mercato sono numerosi ed ognuno ha le sue caratteristiche specifiche, ma ci sono alcune funzionalità che sono comuni a tutte le soluzioni.

Queste funzioni sono state raccolte all’interno del MESA-11 Model, redatto dall’omonima associazione MESA (Manufacturing Enterprise Solutions Association).
L’associazione nasce con lo scopo di riunire produttori, tecnici e fornitori in una community globale per aiutare le aziende manifatturiere a ottenere concreti risultati di business grazie all’uso consapevole degli strumenti informatici e attraverso la condivisione di best practices, programmi educativi e ricerche di settore.

Il modello originale "MESA-11", pubblicato nel 1996, indica 11 core functions che rappresentano le fondamenta di un sistema MES e spaziano tra pianificazione, produzione, manutenzione e qualità:

Gestione delle operazioni: fornendo agli operatori una visione globale dello stato di avanzamento degli ordini pianificati, si riduce il rischio di errori dovuti a problemi di comunicazione;

Assegnazione delle unità produttive: l’ERP e le unità produttive devono comunicare in tempo reale per garantire la trasmissione di dati accurati e sempre aggiornati;

Tracciabilità del prodotto: raccogliere tutte le informazioni su prodotti finiti o lotti, dalle materie prime fino all’assemblaggio dei componenti;

Gestione del lavoro: permette di lavorare con le giuste risorse in ogni fase del processo produttivo, gestendo il personale e monitorando le operazioni;

Gestione della qualità: controllo della qualità dei processi e delle unità di produzione, comprese eventuali segnalazioni di malfunzionamenti o guasti;

Gestione della manutenzione: semplifica il planning della manutenzione preventiva delle macchine per ridurre i tempi di fermo e le interruzioni della produzione;

Raccolta dei dati: raccogliere le informazioni in unico spazio per poterne tenere traccia e recuperarli facilmente;

Gestione dei processi: garantisce la completa tracciabilità della produzione indirizzando la catena di approvvigionamento;

Analisi delle performance: analizza i dati per calcolare i KPI utili a capire come procede il processo produttivo e cosa può essere migliorato;

Controllo dei documenti: fornisce agli operatori un modo semplice per accedere a documenti importanti per ogni fase del ciclo produttivo con un conseguente risparmio di tempo;

Allocazione delle risorse: gestione delle risorse monitorando il loro stato e utilizzo in produzione.

In linea generale, l’utilizzo di un software MES permette di snellire i processi produttivi, supportando in toto le risorse aziendali nella gestione dell’operatività: a partire dagli addetti di ogni unità produttiva fino al management incaricato di prendere le decisioni di business.

mes-meca-model-11.png

In conclusione

E’ innegabile che le nuove tecnologie, come robotica, IoT e Intelligenza Artificiale comportino grandi cambiamenti nel concetto di gestione della produzione: grazie all’impiego di questi strumenti le imprese possono migliorare la qualità dei loro processi e prodotti in maniera esponenziale.

In quest’ottica il MES diventa un elemento imprescindibile per le imprese manifatturiere e specialmente per le grandi aziende che, utilizzando la distinta base aperta, generano una moltitudine di prodotti con diverse varianti: tramite l’impiego di questo software l’azienda snellisce e migliora il flusso di lavoro, risparmiando in termini di tempo e costi.

Un altro fattore importante per consolidare i benefici ottenuti dall’introduzione di nuove tecnologie in azienda riguarda l’integrazione. Per far sì che il software MES e tutti gli strumenti di cui si doti l’organizzazione possano sostenere le necessità aziendali, è necessario che siano opportunamente integrati nell’infrastruttura informatica. Solo attraverso l’integrazione dei sistemi in dotazione è infatti possibile ottenere informazioni utili a orientare i processi decisionali verso orizzonti sempre più data-oriented.


Articoli correlati

immagine takt time.jpg
Al crescere dell’instabilità geopolitica e dei mercati, cresce la pressione delle imprese, che si ritrovano a dover assicurare la produzione …